Articoli

Fotolito s.a.s. punta alla massima qualità con Lüscher MDX 320 IR Flex

luescher-logo

Grazie all’installazione del nuovo CtP flexo di Lüscher, Fotolito s.a.s. può rispondere con la massima flessibilità alle esigenze del mercato, unendo l’innovazione tecnologica all’ottimizzazione del processo produttivo.

Fotolito s.a.s. nasce nel 1989 come azienda di prestampa per la fornitura di pellicole e cliché per la stampa tipografica e litografica su plastica. Dal 2003 l’azienda sente l’esigenza di ampliare il proprio business e inizia così la produzione in stampa digitale in bobina di pannelli e manifesti di grande formato. Oggi il business è suddiviso a metà tra prestampa e stampa digitale, con una clientela in massima parte locale.
L’azienda si è specializzata in particolar modo nella produzione dei cliché per la stampa su plastica. Fotolito s.a.s. ha puntato su know how e competenze, all’azienda vengono riconosciuti grande expertise, un servizio flessibile che garantisce la consegna dei lavori nelle 24 ore e naturalmente l’elevata qualità.

fotolito ctp
La decisione di installare il nuovo sistema CtP MDX 320 IR Flex di Lüscher, fornito in Italia da NTG Digital, che gli ha consentito di passare da una produzione analogica a digitale, ha permesso all’azienda di fare il salto di qualità, ottenendo miglioramenti nelle performance e ottimizzazione nei processi. “La nostra esigenza era di essere più flessibili – spiega Massimo Marione, titolare dell’azienda. – Ci siamo resi conto che per essere più competitivi sul mercato dovevamo alzare i nostri standard di qualità e il nuovo CtP ci permette di ottenere le massime performance in questo senso. Tra i vantaggi del sistema, oltre alla qualità, che è sicuramente superiore rispetto a quella del processo analogico, vi sono maggiori possibilità di controllo e di conseguenza minori possibilità di errore”.
Altro vantaggio del nuovo sistema CtP Lüscher MDX 320 IR Flex 830 HP è l’incisione a laser senza utilizzo di sostanze chimiche. Un aspetto che si sposa con il concetto di sostenibilità sia in termini di attenzione all’ambiente sia per quanto riguarda la salute degli operatori.
Oltre all’eliminazione di sostanze tossiche e nocive dal ciclo produttivo e una maggiore rapidità nel processo, si ottiene una riduzione dei consumi energetici grazie ad un sistema ad elevata efficienza energetica che non richiede tempi di riscaldamento.
Ci stiamo affacciando al mercato della stampa flessografica – spiega Marione – e questo nuovo sistema ci permetterà di offrire un servizio affidabile e dagli standard elevati in mercati che stanno crescendo, come quello delle etichette e degli imballaggi flessibili”.
“Nel team di NTG – conclude – abbiamo trovato affidabilità e competenza: hanno sempre risposto nei tempi adeguati e con professionalità”.

Leggi l’articolo anche su Converter

Il CtP Lüscher MDX 220 ottimizza il flusso per l’incisione cliché di Foto&Lito

luescher-logo

Stare al passo con i tempi, lavorare con tecnologie all’ avanguardia offrendo alla clientela massima precisione, elevata qualità e rapidità nel servizio: questa la filosofia che ha fatto il successo di Foto&Lito, che da oltre 30 anni opera nel campo dell’incisione dei cliché per la stampa a caldo e rilievo. Anche l’ultimo investimento nel CtP MultiDX! 220 di Lüscher è stato messo a punto in una prospettiva di evoluzione continua.

Foto&Lito, con sede a Quinto de’ Stampi, a sud di Milano, ha fatto della competenza e della specializzazione nell’ incisione dei cliché un modello di produzione e di business esclusivo. Nel corso degli anni è stata in grado di sviluppare nuove tecniche di lavorazione mantenendo il ritmo del progresso tecnologico, grazie all’acquisizione di know how e investimenti continui.
“Foto&Lito è stata pioniera in Italia nell’ incisione dei cliché per la stampa a caldo e rilievo in contemporanea, utilizzando centri a controllo numerici, comunemente definiti pantografi. Un primato che gli ha consentito di ottenere importanti riconoscimenti da parte della clientela” – ci racconta Roberto Piccirillo, titolare dell’azienda insieme al fratello Claudio.
Tra le peculiarità di Foto&Lito vi è sicuramente una struttura flessibile che consente di rispondere alle richieste con tempi di reazione rapidi. La clientela è focalizzata principalmente nei settori della cartotecnica e delle etichette sul territorio nazionale e qualche azienda con sede oltreconfine. In particolare, le lavorazioni dell’azienda sono destinate ai settori dolciario, copertinatura di libri di pregio e packaging di lusso, soprattutto in ambito profumeria.
Nell’area dell’incisione digitale, il parco macchine è costituito da attrezzature all’ avanguardia che consentono la consegna tempestiva dei lavori senza trascurare la qualità. L’investimento nelle nuove tecnologie è un aspetto fondamentale su cui il cliente può contare, insieme ad un servizio personalizzato. La gamma di prodotti va dai cliché in magnesio di diverso spessore, cliché in ottone per rilievo a secco tridimensionale e braille, microincisioni per ologrammi anticontraffazione, contromatrici termoformate con perni di registro e in nylon. Non manca in azienda il reparto per la finitura dei cliché, con attrezzature atte al taglio, perforazione e filettatura. In questo reparto molte operazioni sono svolte ancora manualmente, quasi un “arte” in cui la precisione è tutto.
L’installazione del sistema MultiDX! 220 di Lüscher, avvenuta a fine settembre, è stata definita nell’ottica di velocizzare la produzione e ottenere una qualità superiore rispetto alla lavorazione tradizionale, che avviene ancora in qualche caso attraverso la pellicola.Tra i vantaggi ottenuti – spiega Roberto Piccirillo – vi è sicuramente una maggiore rapidità di scrittura, che va ad incidere positivamente su tutto il flusso produttivo. Considerata la duttilità della macchina, sia in termini di rapidità che di performance, la differenza rispetto alla lavorazione tradizionale è notevole. La lastra incisa con il CtP mostra una maggiore pulizia, garantendo gli standard elevati a cui siamo abituati”.

Ctp Luscher
Il sistema MultiDX!, grazie all’ esclusiva tecnologia ibrida, è in grado di esporre una completa gamma di supporti di stampa ed è compatibile con la maggior parte delle tecnologie di produzione di lastre e forme di stampa. Oltre alle lastre offset, il sistema è in grado di eseguire l’esposizione di tutte le lastre ad ablazione in poliestere, acciaio e alluminio e di tutte le forme di stampa per la stampa serigrafica.
Con l’implementazione della nuova tecnologia di incisione digitale, Foto&Lito ha eliminato il passaggio della pellicola. “Grazie all’eliminazione dell’utilizzo di prodotti chimici e solventi – spiega Roberto Piccirillo – questa tecnologia garantisce un minore impatto ambientale e migliora le condizioni di lavoro. Questo, inoltre, sta portando benefici anche in termini di riduzione dei costi. La produzione delle pellicole è destinata a diminuire e probabilmente ad interrompersi definitivamente, quindi questo passaggio al digitale era per noi ormai d’obbligo. Le proposte finora considerate non ci avevano convinto fino in fondo, quando invece abbiamo sperimentato le potenzialità del sistema Lüscher non abbiamo avuto più dubbi”.
I CtP Lücher sono rivenduti in esclusiva in Italia da NTG Digital. Il supporto dell’azienda è stato ottimo, affermano in Foto&Lito, nel post-vendita i tecnici hanno risposto velocemente ad ogni richiesta. Tutte le parti di ricambio sono comunque facilmente accessibili per garantire una manutenzione semplice e immediata.

Con il CtP Lüscher MDX UV-Flex, Eurocliché investe in qualità e sostenibilità

luescher-logo

Il connubio tra innovazione tecnologica e valorizzazione delle risorse umane, oltre alla costante attenzione per gli aspetti organizzativi, consente ad Eurocliché di rispondere con la massima flessibilità alle esigenze del mercato. Anche la recente installazione del CtP Lüscher MDX UV-Flex è in linea con la volontà di crescere e rinnovarsi, per ottimizzare continuamente il processo produttivo.

 

Eurocliché inizia la propria attività nel 2003 con una precisa connotazione: una struttura giovane e dinamica in grado di assicurare ai propri clienti flessibilità e rapidità nell’evasione degli ordini. L’azienda, guidata da professionisti con una lunga esperienza nel settore, è specializzata nella produzione di cliché in magnesio, alluminio e ottone per stampa a caldo e a rilievo.
Oggi, grazie ad un assetto societario rinnovato nel 2014, l’azienda è in grado di sviluppare, con intuito e passione, soluzioni ottimali per il controllo qualitativo della produzione affiancando alla flessibilità una maggiore efficienza e qualità del prodotto.
Il connubio tra innovazione tecnologica e produttiva e valorizzazione delle risorse umane, oltre alla costante attenzione per gli aspetti organizzativi consente all’azienda di allargare il proprio bacino di utenza e puntare sull’internazionalizzazione.
“Oggi la nostra clientela è rappresentata da cartotecniche, etichettifici e stampatori, – spiega Elena Belotti, di Eurocliché – che offrono effetti di stampa a caldo e rilievo per prodotti di elevata qualità. Il nostro cliente principale è una multinazionale americana che stampa liquori di prestigio. La strategia di rimanere snelli ci ha consentito di offrire sempre un servizio rapido e flessibile: non abbiamo diversificato l’offerta, ma ci siamo fortemente specializzati”.
La soddisfazione dei clienti è da sempre obiettivo della mission aziendale, garantita da continui investimenti tecnologici e dalla costante collaborazione di personale altamente qualificato.
Nel corso degli anni, l’azienda non ha smesso di crescere in organico, idee e impianti tecnologici senza mai trascurare investimenti volti a ridurre l’impatto ambientale della fotoincisione, oltre che una corretta gestione degli smaltimenti.
Abbiamo macchinari tradizionali per l’incisione chimica del magnesio con gli impianti per l’abbattimento dei fumi e sistemi di ricircolo delle acque. – racconta Elena. – Siamo tra le poche aziende che utilizzano un magnesio ‘verde’ che non prevede l’uso della trielina, che richiede un procedimento complesso di utilizzo. Ci teniamo a tutelare oltre all’ambiente anche la salute di chi lavora per noi”.

MultiDX!Luscher ctp
La scelta del nuovo CtP Luscher MDX UV-Flex IR 830 HP ha anch’essa alle base delle motivazioni che si orientano in una logica di eco-sostenibilità. Le tradizionali fotounità infatti prevedono l’utilizzo di due sostanze chimiche, lo sviluppo e il fissaggio, che sono dannose per la salute degli utilizzatori. “Con l’installazione del nuovo impianto di produzione lastre, – spiega Elena – il nostro obiettivo era fare un passo avanti nella direzione di azienda green, passando ad un’incisione a laser senza emissioni di sostanze chimiche. Un altro aspetto non secondario è la questione della qualità. Il sistema di impressione laser garantisce una risoluzione più elevata con una definizione maggiore dei dettagli. Il nuovo CtP è stata la risposta a quello che cercavamo per i nostri clienti. Abbiamo coniugato il fatto di poter ottenere una risoluzione maggiore con la nostra attenzione al rispetto ambientale”.
Oggi il CtP, installato alcuni mesi fa, lavora a ciclo completo e da allora non ha mai smesso di funzionare. E i benefici non si sono fatti attendere: oltre all’eliminazione di sostanze tossiche e nocive dal ciclo produttivo e una maggiore rapidità nel processo, è stato eliminato il procedimento di ritocco delle lastre dopo l’esposizione; anche gli errori e i rifacimenti si sono ridotti ulteriormente. Come già detto, l’azienda ha ottenuto un notevole miglioramento nella qualità dell’immagine, oltre alla riduzione dei consumi energetici grazie ad un sistema ad elevata efficienza energetica che non richiede tempi di riscaldamento.
Nel settore della stampa riveste particolare importanza l’affidabilità dei tempi di consegna oltre che una qualità controllata e costante della produzione. Per questo, pur essendo l’incisione chimica più veloce rispetto a quella meccanica, è nata l’esigenza per Eurocliché di ridurre ulteriormente i tempi necessari alla produzione di cliché ottimizzando il processo produttivo.
“Abbiamo chiesto a NTG di studiare per noi tutta la parte del workflow e dei software, creando un programma capace di gestire tutto il flusso operativo che, con l’introduzione del CtP, è diventato più flessibile. Oggi è necessario seguire e controllare il processo in modo completo in tutte le fasi di lavorazioni”.
La voglia di crescere e fare investimenti in innovazione tecnologica anno dopo anno è il pilastro di una strategia aziendale consolidata, che mette al centro da sempre il cliente.

Se ne parla anche su Converter

 

Cartograf, decalcomanie di altissima qualità con il CtP Lüscher MDX 320 UV

luescher-logo

L’azienda emiliana rinnova il reparto di prestampa con l’introduzione del CtP Lüscher MDX 320 UV per la realizzazione di telai serigrafici di elevata qualità. La configurazione installata è la prima in Europa e raggiunge una risoluzione fino a 5080 dpi.

Cartograf nasce come serigrafia nel 1969 ad opera di Roberto e Pasquale Chiapperino. La produzione si concentra per lo più sulla produzione di adesivi in PVC stampati in bobina su macchine serigrafiche tradizionali, ma opera anche nell’ ambito della produzione di decalcomanie ad acqua per il settore delle biciclette. Fino agli anni ’80, l’azienda resta concentrata su entrambi questi business, ma con lo sviluppo del mercato del modellismo e dei giocattoli la focalizzazione si sposta in particolar modo sulla decalcomania ad acqua. Ancora oggi il target resta il medesimo: il settore del modellismo da collezione di elevato profilo e, per il settore del giocattolo, i model kit .

Oggi Il 90% degli ordini proviene dal mercato estero . “La nostra peculiarità – ci spiega Davide Chiapperino, oggi alla guida dell’azienda assieme al fratello Mattia – è lavorare su richiesta del cliente finale per realizzare prodotti su misura. L’adozione della stampa offset a foglio ci permette di produrre decalcomanie ad acqua in elevate tirature e altissima risoluzione ricreando sfumature ed effetti fotografici. Inoltre, è possibile combinare la serigrafia e la stampa offset, per riprodurre perfettamente effetti tipo fibra di carbonio o fibra kevlar”.
L’introduzione della stampa a caldo ha permesso di creare decalcomanie con effetti cromati, metallici e olografici, la tecnologia può essere combinata con la stampa serigrafica per ottenere risultati di stampa sorprendenti.
Gli stickers, di elevata qualità, sono disponibili in diversi materiali quali PVC, poliestere e polipropilene e possono resistere nel tempo senza perdere il colore e il potere adesivo. In alcuni casi, si possono realizzare stickers in grado di resistere al combustibile per i modellini di veicoli radiocomandati.
Oltre agli investimenti in sala stampa, Cartograf ha rinnovato il reparto di prestampa con l’introduzione del CtP Lüscher MDX 320 UV per la realizzazione di telai serigrafici di elevata qualità con risoluzioni superiori a 2540 dpi. La configurazione installata è la prima in Europa, in quanto raggiunge una risoluzione fino a 5080 dpi ed è in grado di realizzare un telaio serigrafico per la stampa in soli 10 minuti.
“Fino a gennaio – racconta Davide Chiapperino – abbiamo utilizzato tecnologie analogiche con il torchio classico, le pellicole e lampade ultraviolette. Sentivamo però la necessità di passare a tecnologie più evolute e abbiamo pensato a Lüscher, perché è l’unico sistema che utilizza il laser come metodo di esposizione. Da questo punto di vista è il sistema più innovativo sul mercato poiché ci permette di lavorare su dettagli estremamente fini, testi di piccole dimensioni e decorazioni in miniatura. La precisone dei dettagli che dobbiamo garantire per mantenere il nostro standard qualitativo è paragonabile a quello delle stampe di microcircuiti. Questo sistema permette di raggiungere risoluzioni fino a 5080 dpi che ci garantiscono la massima precisione anche nel più piccolo particolare”.


Tra i vantaggi del sistema Lüscher MDX 320 UV, Cartograf ha riscontrato, oltre ad una maggiore flessibilità nel processo, una miglior qualità dei telai serigrafici e uniformità della luce. “Per noi – prosegue – che stampiamo dettagli multicolore, la stabilità dimensionale è fondamentale per garantire la stampa nei medesimi punti e la ripetibilità dei telai. Il sistema ha risposto a tutte le nostre esigenze e anche se siamo pionieri in questa tecnologia, abbiamo valutato i rischi e i risultati ottenuti ci hanno dato ragione”. Per Cartograf, anche il servizio dei tecnici NTG Digital, che li hanno seguiti nel training e nell’assistenza, è di altissimo livello. “Essendo un sistema nuovo ed estremamente complesso, – conclude Davide Chiapperino – sono state necessarie ore di training e di affinamento dei parametri, ma i tecnici hanno risposto a tutte le nostre richieste e oggi, che siamo ormai operativi al 100%, possiamo dirci estremamente soddisfatti”.

 

Se ne parla anche su PrintPub.net!

 

Grande novità da Luscher Technologies a FESPA DIGITAL 2017

fespa logo ntg

Alta tecnologia di Computer to Screen per l’incisione di telai serigrafici in Wide Format
Con il grande successo delle vendite del Computer to Plate per l’incisione di differenti matrici di stampa MultiDX!, ideato per la produzione di telai serigrafici ad alta risoluzione digitali in piccolo e medio formato, Lüscher Technologies AG ha deciso di rilanciare il grande formato per l’incisone dei telai serigrafici di alta gamma con il nuovo JetScreen! Serie LT. Stand A4-A37

La decisione è stata presa in seguito alle ripetute richieste di clienti che al momento non vedono alternative alle soluzioni tradizionali per il grande formato. Il nuovo “gioiello” tecnologico prodotto dalla Lüscher Technologies AG, offrirà una soluzione di alto prestigio per le Aziende che operano nel settore industriale per la produzione di telai serigrafici di grandi dimensioni.

Prestazioni elevate con bassi costi d’esercizio

Grazie alla consolidata tecnologia Lüscher che prevede l’utilizzo di diodi laser a stato solido con una lunghezza d’onda di 405 nm e una risoluzione ottica compresa tra 600 e 2400 dpi, viene garantita l’esposizione qualitativa di qualsiasi tipo di emulsione anche le più spesse. il nuovo Jetscreen! LT è in grado di soddisfare le aspettative dei clienti più esigenti con un sistema innovativo di calibrazione automatico dei diodi laser e un autofocus (on fly) che garantisce una qualità costante e una sicurezza di processo assoluta. I costi operativi sono estremamente bassi grazie alla tecnologia Lüscher che utilizza diodi laser con tecnologia a stato solido a lunga durata (testati fino 20.000 ore continuative di lavoro), esenti da manutenzione con un controllo dinamico della temperatura di esercizio tramite celle di Peltier.

Nuovo Disegno e opzione variabili

Il nuovo JetScreen! LT Il si presenta con un look decisamente nuovo e un equipaggiamento tecnologico all’avanguardia. Il CTS JetScreen! LT sarà disponibile in vari modelli per l’esposizione dei telai serigrafici con dimensione da 1500 x 1500 mm fino a 4600 x 2800 mm. Come è di consuetudine, Lüscher Technologies AG, è comunque disponibile per la realizzazione CTS con formati “custom” su richiesta.LuescherJetScreen! LT
A seconda della particolare applicazione, il nuovo CTS può essere equipaggiato con diodi laser modulabili da 32 fino a 128. L’eventuale aggiunta di diodi laser può essere eseguita in qualsiasi momento “on site” in modo semplice e veloce. Come opzione, il sistema JetScreen! LT permette l’integrazione con sistemi per la gestione e il trattamento del telaio serigrafico in automatico quali ad esempio le unità di pre e post processo Zentner.

Sullo stand ci sarà MultiDX! 240 UV

Presso lo stand A4-A37, Lüscher Technologies AG avrà a disposizione anche il CTS MultiDX! 240 UV che ha avuto grande successo nelle multi-applicazioni. Il MultiDX! 240 è dotato di una nuova ottica con doppia risoluzione di 2540 e 5080 dpi selezionabile automaticamente. Questo permette all’utilizzatore di esporre i propri materiali selezionando la risoluzione più adatta alla tipologia del lavoro, garantendo una perfetta riproduzione anche dei minimi dettagli quali linee fino ad uno spessore di 20 micron.MultiDX!240_UV
MultiDX! 240 UV è utilizzato per esporre telai serigrafici di dimensioni massima di 1550 x 1450 millimetri, con una superficie di esposizione di 1300 x 1100 mm. Il CTS MultiDX! 240 UV si distingue rispetto agli altri in quanto il telaio serigrafico viene adagiato orizzontalmente sul tavolo di aspirazione, consentendo un’esposizione assolutamente precisa e di altissima qualità. La serie dei CTS MultiDX!, equipaggiati con doppia risoluzione, hanno avuto un enorme successo sia in Europa che negli Stati Uniti.
Maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.ntg.it

A Fespa Digital stand A4-C20 saremo presenti anche con Massivit 3D Printing Technologies! Clicca qui per saperne di più.

Orbafless raddoppia con il secondo XPose! 260L Flex

luescher-logo

XPose! 260L Flex è la nuova frontiera di Orbafless per la scrittura su lastre digitali. Ad un anno dalla prima installazione del CtP Lüscher Technologies, infatti, l’azienda ha installato la seconda unità gemella per l’esposizione dei fotopolimeri digitali.

Orbafless, azienda di riferimento in ambito flexo, produce impianti da stampa dal 1975. L’azienda nasce in quell’anno per soddisfare le esigenze delle cartiere per la realizzazione di cliché di stampa. Con l’evoluzione tecnologica, la società passa dalla produzione di polimeri analogici a quelli digitali. Oggi è in grado di offrire servizi a 360° che vanno dalla consulenza, alla progettazione grafica e realizzazione di impianti stampa ad alta risoluzione. Orbafless fornisce al mercato flessografico lastre in fotopolimero liquido e solido digitale. Si producono impianti specifici per la stampa su cartone ondulato, microonda, patinato, carta per bustine da zucchero, etichette per biomedicale.

orbafless ctp luescher

Grazie ad un reparto grafico interno, Orbafless è indipendente nella produzione e riesce ad essere competitiva nel rispetto dei tempi di consegna. È dotata di attrezzature di ultima generazione, tutto per offrire il massimo della qualità in termini di risultato di stampa, resistenza e durabilità degli impianti.
In linea con questa continua evoluzione tecnologica, l’azienda ha acquistato negli ultimi due anni due sistemi CtP XPose!260L Flex per la produzione di fotopolimeri digitali. “Abbiamo scelto Lüscher – spiega Andrea Borsari, titolare dell’azienda – per l’elevato livello qualitativo che è in grado di raggiungere e per la versatilità nel montaggio della lastra. Dopo l’installazione del primo sistema, avendo ottenuto ottimi risultati e notevoli vantaggi nel flusso produttivo, questo  grazie anche al software XPlate! sviluppato da NTG Digital che consente l’impaginazione automatica dei TIFF/1bit ed è in grado di ridurre drasticamente gli scarti e al RIP Flexo con tecnologia APPE di Adobe anch’esso sviluppato da NTG per gli ambienti flessografici, abbiamo deciso di acquistare una seconda unità. Il sistema XPose! 260L Flex garantisce la massima versatilità e velocità, indipendentemente dallo spessore del fotopolimero, mantenendo standard qualitativi elevati con una risoluzione di 5080 dpi grazie al sistema Luscher, unico nel suo genere, che permette di mantenere la lastra ferma durante l’esposizione, evitando qualsiasi rischio di sganciamento della stessa. La tolleranza di errore delle lastre che realizziamo deve essere ridotta al minimo, per questo il CTP XPose!260L Flex è il sistema ideale per noi. Si tratta di un prodotto innovativo che rappresenta, ad oggi, il massimo ottenibile in termini di qualità di stampa con una risoluzione di 5080 dpi! Il rapporto costo-prestazione di questo sistema è estremamente elevato.
La tipologia di clientela che Orbafless serve va dalle aziende di stampa medio-piccole alle grandi multinazionali, dove la qualità deve essere sempre al top. Vengono prodotte lastre fotopolimeriche per la stampa flexo su carta, cartone e flessibile, con spessore da 1.14 ad un massimo di 5.50 mm. Tali prodotti rispondono alle specifiche esigenze dei clienti, che chiedono elevatissima qualità e fedeltà di riproduzione.
NTG Digital fornisce un’assistenza professionale di ottimo livello in tempo reale su tutto il territorio Nazionale con il proprio Call Center Tecnico centralizzato oppure con interventi mirati in loco tramite personale tecnico diretto proveniente da una delle due Sedi di Milano e Roma.

Per ulteriori informazioni:
Ignazio Binetti
NTG Digital srl
Corso Sempione, 215
20014 Legnano (Milano)
ignazio.binetti@ntg.it

Lüscher continua a innovare nella flexo e serigrafia

drupa-banner

L’azienda svizzera presenterà a drupa le sue nuove linee di prodotto, che comprendono l’innovativo modello di imagesetter XPose! dedicato alla tecnologia flexo e un nuovo sistema CtP ibrido «all-in-one».
Dopo l’acquisizione, avvenuta la scorsa estate, del 100% delle azioni di Lüscher, Heliograph Holding, nuova proprietaria di Lüscher Technologies AG, ha deciso di ridefinire il corporate design del costruttore svizzero, affinché sia in linea con la Corporate Identity del Gruppo Heliograph. Oltre ad adottare i colori della Capogruppo per il logo aziendale, la nuova identity della società comprende anche una riprogettazione di tutte le brochure di prodotto e un nuovo layout del sito web. Il nuovo Corporate Design è stato lanciato il 1° maggio 2016.

Luescher-Logo-farbig-RGB-LR

XPOSE! FLEXLINE – Il CTP per applicazioni flessografici
A drupa 2016, Lüscher Technologies AG, mostrerà un nuovo modello della sua linea di prodotti XPose! Si tratta dei nuovi CTP XPose! FlexLine con i modelli 330L con formato 42×60 pollici e 360L con formato 50×80 pollici. I modelli della linea Flexline combinano una doppia ottica rivoluzionaria a 2540/5080 dpi (HD e Full HD). I visitatori di drupa potranno toccare con mano la facilità d’uso di questo sistema. La gamma XPose! Flex è stata progettata per gli stampatori flessografici con esigenze di alta produttività e trova impiego anche nella stampa di sicurezza con risoluzioni ottiche fino 12.000 dpi. Questa soluzione è stata concepita in modo tale da poter esporre qualsiasi matrice di stampa ad ablazione digitale con strato LAMS. L’esclusiva architettura Lüscher del tamburo interno, che hanno reso famoso il marchio Luscher nel mondo, consente il caricamento rapido delle lastre, senza fermi o nastrature, assicura massima flessibilità per quanto concerne le dimensioni delle lastre, elimina la necessità di un tamburo magnetico e, soprattutto, garantisce una registro perfetto.

MULTIDX! 320 IN AZIONE – Un CTP in grado di esporre differenti matrici di stampa
In occasione della kermesse, sarà presentato un ulteriore sviluppo della consolidata soluzione MultiDX! 220, denominato MultiDX! 320, un sistema Computer to Plate «all-in-one». La nuova configurazione 320 è dotata di autofocus dinamico, che regola automaticamente eventuali irregolarità sulla superficie della lastra in maniera dinamica fino 0,5 mm durante l’esposizione. Inoltre, MultiDX! 320 può essere equipaggiato con un massimo di 128 diodi laser aumentando notevolmente la produttività del CTP. Con questo sistema universale, possono essere esposti tutti i materiali di stampa digitali quali: telai serigrafici, matrici serigrafiche rotative, tipografiche, flessografiche, offset, tampografiche, magnesio, alluminio o rame. Grazie all’esclusiva tecnologia ibrida, il CtP MultiDX! a letto piano è in grado, infatti, di esporre qualsiasi matrice di stampa ad ablazione digitale con strato LAMS.
Ultimo ma non meno importante, Lüscher si presenta con una novità sorprendente per applicazioni flessografiche.

Le attrezzature saranno dimostrate a DRUPA: HALL 16 – STAND C07

Risultati vincenti con le soluzioni CTP Lüscher Technologies

luescher-logo

Con i rivoluzionari sistemi CtP a letto piano MultiDX! e XPoseFlex! a tamburo interno, Lüscher Technologies conferma la sua capacità d’innovazione tecnologica con soluzioni che consentono la massima  flessibilità nei settori delle etichette e del packaging.Le conferme arrivano direttamente dagli utilizzatori.

Grazie all’esclusiva tecnologia ibrida, il CtP MultiDX! a letto piano, sviluppato dall’azienda svizzera Lüscher Technologies, è in grado di esporre qualsiasi matrice di stampa ad ablazione digitale con strato LAMS, sia esse tipografiche che flessografiche. Oltre alle lastre offset, il sistema permette l’esposizione di tutte le lastre ad ablazione in poliestere, lastre per tampografia, magnesio e di tutte le forme di stampa per la tecnologia serigrafica (rotativo e piano). È inoltre possibile utilizzare qualsiasi dimensione e forma, riducendo così al minimo gli scarti di taglio. Con la gamma MultiDX! è possibile decidere liberamente il numero di gruppi laser necessari alle proprie esigenze produttive. Le risoluzioni native vanno da 1200 dpi a 10160 dpi nei formati 800x600cm (MDX-220) e 1300x1100cm (MDX-240).
La gamma XPose! Flex è stata progettata per gli stampatori flessografici  con esigenze di  alta produttività e trova impiego anche nella stampa di sicurezza dove è leader mondiale. È stato concepito in modo tale da poter esporre qualsiasi matrice di stampa ad ablazione digitale con strato LAMS, come le lastre flessografiche, tipografiche, serigrafiche, verniciate e offset, nonché le pellicole. Le risoluzioni native vanno da 1200 dpi a 10160 dpi e nella versione XL il CTP XPose! Flex è in grado di esporre lastre flessografiche con formato fino a 1340x2900mm ad alta velocità  indipendentemente dallo spessore delle stesse.
Sentiamo dalla voce degli utilizzatori quali sono i plus di queste due soluzioni.

Il bilancio di Grafical
L’azienda veronese Grafical, nata nel 1984 come realtà di stampa commerciale, ha deciso di installare questo sistema 3 mesi fa e ora può trarre un bilancio dei risultati raggiunti. La posizione geografica dell’azienda situata nell’area del Valpolicella e l’obbiettivo di crescita la portano nel tempo ad ampliare la propria offerta. Nel 2000 inizia, così, la produzione di etichette autoadesive in bobina con tecnologia offset. Successivamente, il reparto di stampa offset viene ampliato con altre macchine, integrate con unità opzionali per la nobilitazione come la stampa a caldo e gruppi flexo per la verniciatura e il bianco su carte trasparenti, oltre ad una linea di stampa serigrafica. Ultimo, ma non meno importante, l’investimento in stampa digitale che consente di produrre brevi tirature personalizzate, ma di elevata qualità.
La necessità di innovare l’impianto di prestampa analogico, ormai obsoleto, ha portato l’azienda ad installare l’unità CtP MultiDX!. “Il nostro obiettivo – spiega Sebastiano Lonardi, direttore generale di Grafical – era fornire ai nostri clienti degli impianti precisi della massima qualità, di conseguenza abbiamo scelto di investire su un sistema CtP laser che ci garantisse elevata affidabilità sia in termini di produzione che di precisione. Proprio per la nostra produzione serigrafica, abbiamo optato per il Computer to Screen della Lüscher. Il produttore svizzero in questo ambito ha un know how e un’esperienza in termini di R&D che non è paragonabile ad altri”.
Secondo Lonardi, i maggiori vantaggi ottenuti sono stati innanzitutto la rapidità, con cui oggi l’azienda può produrre le lastre e i telai serigrafici, rispondendo così tempestivamente alle richieste del cliente; in secondo luogo, la precisione e la sicurezza che questa tecnologia garantisce. Lo staff di NTG Digital, che commercializza in Italia le soluzioni Lüscher Technologies, ha supportato con competenza tutto il processo di postvendita e assistenza. “I tecnici Lüscher – racconta Lonardi – si sono rivelati estremamente preparati e hanno dimostrato l’affidabilità del sistema sia nelle prove realizzate che in fase di training sulla macchina”.

I risultati di Grabo con il sistema di XPoseFlex!
Anche Grabo, una realtà unica nel panorama italiano specializzata nella produzione di palloni gonfiabili, ha deciso recentemente di installare in azienda il CtP XPoseFlex per la produzione di lastre fotopolimeriche da utilizzare sulle proprie macchine flessografiche. L’azienda infatti è specializzata nella stampa flessografica con formato lastre fotopolimeriche  fino a 1200x920mm. L’arrivo del sistema ha trasformato il processo produttivo in maniera radicale da analogico a digitale.
“Abbiamo deciso di fare questo passo – ci spiega Mirko Campagna, responsabile della prestampa – per migliorare la qualità dei prodotti che forniamo, inoltre ci garantisce maggiore precisione rispetto al vecchio sistema. Al momento possiamo dirci estremamente soddisfatti dei risultati che stiamo ottenendo”.
Altri fattori che hanno portato alla scelta sono sicuramente la robustezza del sistema che garantisce una durata nel tempo e l’elevato rapporto prezzo-prestazioni. Secondo Grabo, il sistema XPoseFlex assicura inoltre dei costi di produzione competitivi, ideali per un’azienda che produce matrici flexo per la propria produzione.  “I commerciali e tecnici di NTG Digital – conclude – ci stanno accompagnando in questa fase iniziale e rispondono immediatamente a qualsiasi esigenza”.

Per ulteriori informazioni:
Ignazio Binetti
NTG Digital srl
Corso Sempione, 215
20014 Legnano (Milano)
ignazio.binetti@ntg.it